Smorfia napoletana numero 17

Il 17 nella smorfia napoletana è a’disgrazia (la sfortuna) che si abbatte su coloro che sono investiti da un dramma inaspettato che non riescono a gestire nel migliore dei modi. A tal proposito questo numero è legato ad una tragedia improvvisa capace di rivoluzionare gli equilibri faticosamente conquistati nella propria vita.

Di conseguenza il numero 17 rappresenta qualcosa di ineluttabile dalla portata devastante che può mettere a repentaglio tutte le certezze e sicurezze collezionate nel corso della propria esistenza. Particolarmente interessante è la posizione del numero 17 all’interno della griglia della smorfia napoletana. Infatti il numero 17 si posiziona tra due numeri dai significati apparentemente diversi come il 16 (il sedere) e il 18 (il sangue), laddove il primo (o’mazz) sta per fortuna e cioè per un evento positivo capace di migliorare il senso della vita mentre il secondo indica qualcosa di decisamente negativo dato che è associato al sangue in seguito ad uno scontro.

Questa disgrazia si presenta nella vita dell’uomo nel momento in cui la fortuna lo abbandona e dunque il sangue è la naturale conseguenza della sua disfatta. Infatti nel gergo napoletano “buttare il sangue” è un’espressione che indica la fatica dell’uomo a risolvere una situazione ingestibile. In generale il numero 17 è sempre associato a qualcosa di negativo e catastrofico per le sue analogie con la storia passata. A tal proposito il giorno venerdì 17 è sinonimo di sfortuna soprattutto per coloro che credono alla superstizione.
Questa leggenda viene tramandata dagli antichi Romani e in particolare col giorno del venerdì Santo, in cui secondo la tradizione avveniva la morte di Gesù. Ecco allora che per i ferventi cattolici il 17 è un giorno triste e buio per l’umanità intera e dunque nei secoli si è andato diffondendo l’idea che quel numero fosse associato necessariamente con una grande catastrofe che avrebbe cambiato l’assetto dell’universo.
Fonte: http://smorfianapoletana.org/significato-esoterico-dei-numeri

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *